Villaggio degli Sposi, Gori: “Difficile evitare la chiusura dell’unica filiale bancaria”

Villaggio degli Sposi, Gori: “Difficile evitare la chiusura dell’unica filiale bancaria”

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa

Intesa San Paolo Villaggio SposiChiude l’unica filiale bancaria, di Intesa San Paolo, presente al Villaggio degli Sposi. L’ha confermato il sindaco Giorgio Gori rispondendo a una interpellanza presentata da Danilo Minuti, capogruppo della “Lista Civica Tentorio”. Minuti, evidenziando che il quartiere “ha subito nel corso degli anni la chiusura di molte attività commerciali, tra cui molti negozi di vicinato nonché l’unico ipermercato del quartiere” e che “la filiale della banca è anche lo sportello più vicino tra quelli esterni all’Ospedale Papa Giovanni XXIII” ha sottolineato nell’interpellanza che “la scelta del Gruppo Intensa San Paolo rischia di accelerare ulteriormente l’impoverimento e la desertificazione del quartiere del Villaggio degli Sposi, nonché di arrecare gravi problemi e disagi ai cittadini lì residenti”. Per questo ha chiesto al sindaco, nonché assessore ali’Attività Produttive, se non ritenesse “opportuno interloquire con il Gruppo bancario al fine di scongiurare la chiusura della filiale e il conseguente impoverimento del quartiere del Villaggio degli Sposi”. Gori, nella sua riposta, ha comunicato di aver chiesto e ottenuto un incontro con i vertici dell’istituto di credito, manifestando loro l’importanza degli sportelli bancari nei quartieri periferici. “La situazione che mi hanno però riportato – scrive Gori – centrata sulla forte riduzione  delle operazioni di sportello, calate a meno di dieci al giorno nella filiale in questione, è tale da non rendere  probabile un ripensamento della banca circa la volontà di chiudere la filiale. E’ stato in particolare evidenziato il rapido cambiamento in corso riguardo alle modalità di interazione dei cittadini, legate alle nuove tecnologie informatiche, e alla conseguente possibilità di gestire online la gran parte delle operazioni senza la necessità di recarsi fisicamente allo sportello”.

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa