1

26 e 27 settembre / Bergamo e la Lombardia in passerella a NoFrills

In Fiera le offerte turistiche presentate a cento buyer internazionali. Trigona (Turismo Bergamo): «Fondamentale lo sviluppo di iniziative di qualità coordinate fra tutti i livelli istituzionali»

NoFrills è la fiera per operatori professionali che, come recita il titolo, “senza fronzoli” mette in contatto la domanda nazionale ed internazionale dei prodotti e dei servizi turistici. Di scena alla Fiera di Bergamo, torna per la 14esima edizione il 26 e 27 settembre con tutte le carte in regola per confermarsi un momento privilegiato di confronto e sviluppo del settore, con 120 eventi inediti che vogliono favorire opportunità concrete di business – tra start up, finanziatori, centri di ricerca e pmi dell’industria turistica tradizionale o Ict -, occasioni per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, seminari, corsi di formazione, tavole rotonde, accompagnati da numeri, statistiche e focus. La rassegna registra per la prima volta il tutto esaurito dal punto di vista espositivo e un +20% delle pre-registrazioni dei visitatori, lo scorso anno attestati a quota 12mila. In questo spazio di respiro internazionale, anche Bergamo e la Lombardia trovano una ribalta qualificata. «La fiera richiama ogni anno un ingente numero di organizzatori, espositori, visitatori offrendo loro una variegata gamma di servizi, tra cui quelli relativi all’accoglienza e alla scoperta dell’identità e delle tipicità del territorio che li ospita. Bergamo ha così potuto, anche indirettamente, beneficiare dell’evento mettendosi in vetrina – evidenzia Luigi Trigona, presidente di Turismo Bergamo -. A ciò si aggiunge ad un altro dato confortante rilevato dall’Osservatorio del turismo italiano secondo cui tra le aree più visitate del nostro Paese emergono la Lombardia e il Lazio (11% ciascuna)».
Da tre anni, inoltre, NoFrills ospita, in un’area dedicata, Discover Lombardy, iniziativa nata dall’Accordo di Programma tra Regione Lombardia e Sistema Camerale lombardo, promossa da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Bergamo e realizzata da Turismo Bergamo, che vede la partecipazione delle Camere di Commercio di Brescia, Como, Cremona, Monza e Brianza, Pavia e Varese. All’interno dei padiglioni del polo fieristico, 40 seller presentano il meglio dell’offerta bergamasca e lombarda ad un centinaio di buyer: tour operator, agenzie di viaggi, compagnie aeree, giornalisti di settore sia di nazionalità italiana che estera. Oltre venti le nazioni di provenienza, tutte collegate con lo scalo di Orio al Serio o con gli altri aeroporti lombardi. La novità di quest’anno riguarda la partecipazione di Argentina e Messico.
Nel workshop le peculiarità attrattive della provincia e della regione sono suddivise in aree tematiche caratterizzanti: business, heritage e nature. Del progetto Discover Lombardy fanno parte anche cinque educational tour dedicati a tour operator internazionali che toccheranno le città di Brescia, Cremona, Monza, Como e Pavia; a questi si aggiungeranno due “Gruppi Expo” per i paesi  Bric più interessati all’Esposizione Internazionale che verteranno su shopping, arte, natura e sport.
«L’incontro tra Discover Lombardy e NoFrills è un’occasione per fare sinergia e per collaborare con una delle più importanti fiere dedicate agli operatori dell’ospitalità – evidenzia Trigona -. Ma è anche l’occasione per rimarcare che il nostro compito è proprio quello di favorire una politica orientata a facilitare lo sviluppo di iniziative d’eccellenza e di qualità, coordinata fra tutti i livelli istituzionali, con un programma condiviso da protagonisti pubblici e privati. Ed è questa la strada che dovremo percorrere in vista di un appuntamento importante come Expo 2015, che segnerà una tappa fondamentale per il comparto turistico e per Bergamo e la Lombardia nel suo complesso».