L’Università di Bergamo abbatte le tasse 
agli studenti migliori. “Premiati” in 66  

L’Università di Bergamo abbatte le tasse agli studenti migliori. “Premiati” in 66  

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa

L’Ateneo di Bergamo azzera le tasse agli studenti migliori. In 66 hanno ricevuto l’attestato, nella sede di Confindustria Bergamo, relativamente all’anno accademico 2013-2014, per aver conseguito lo scorso anno una valutazione al diploma di maturità di almeno 95 su 100. Gli aventi diritto all’esenzione erano 133, ma sono stati esclusi quelli che, per motivi di reddito, già godono delle facilitazioni statali e regionali. Il programma per attrarre i migliori diplomati è stato lanciato nell’anno 2012/13, grazie al finanziamento della Pro Universitate Bergomensi, costituita dalle associazioni imprenditoriali bergamasche, dalla Camera di Commercio e da alcuni istituti di credito, ed  ha consentito di esentare dalle tasse e dai contributi universitari i migliori diplomati immatricolatisi all’Ateneo per gli anni accademici 2012/13 e 2013/14. Conclusa positivamente la fase sperimentale, è stato deciso di dare continuità all’iniziativa, attraverso la garanzia del finanziamento con un impegno diretto da parte dell’Università.
Dal prossimo ottobre il “Top Ten Student Program” a favore degli studenti meritevoli ogni anno premierà, abbattendo le tasse, il 10% degli studenti, selezionati in base al merito. Per i neo-diplomati sarà necessario aver conseguito almeno 96/100 alla maturità, con autocertificazione nella domanda di immatricolazione.
Chi si troverà in questa situazione pagherà solamente la tassa regionale per il diritto allo studio e la marca da bollo. Gli studenti che rinnoveranno l’iscrizione ad anni di corso successivi al 1° e gli iscritti al 1° anno di laurea magistrale pagheranno la prima rata e ci sarà poi l’eventuale rimborso. Per gli iscritti al primo anno di laurea magistrale servirà una votazione di laurea superiore a 105/110, avendo mantenuto il requisito della continuità didattica, per gli studenti che rinnovano l’iscrizione ad anni di corso successivi al 1° sarà indispensabile avere conseguito una media ponderata degli esami sostenuti non inferiore a 28/30. In generale non verranno considerati i beneficiari o idonei alla borsa di studio universitario per i quali è già prevista l’esenzione totale da tasse e contributi, i fruitori di esenzione dal pagamento delle tasse e dei contributi per altro titolo (per esempio studenti con disabilità), matricole con maturità non conseguita nell’anno scolastico immediatamente precedente, iscritti ai corsi di Scienze della sicurezza economico-finanziaria, fuori corso, part-time, iscritti con età superiore ai 30 anni. Le verifiche e l’individuazione dei beneficiari verranno fatte direttamente dagli uffici.
Fra le novità in dirittura d’arrivo anche l’abbattimento del prezzo dell’abbonamento all’ATB a 200 euro annuali uguale per tutti indipendentemente dalla sede che si intende raggiungere, Città Alta, città bassa e Dalmine, che potrebbe ulteriormente ridursi con il contributo comunale.
Rientra nel programma Top Ten anche il nuovo bando sul prestito d’onore, promosso dall’Associazione Pro Universitate Bergomensi in collaborazione con Ubi Banca Popolare di Bergamo, rivolto agli studenti iscritti alla laurea magistrale, inteso a favorire esperienze all’estero strettamente collegate al curriculum di studi. L’importo, fra i 10 mila e i 15 mila euro, viene concesso a tasso zero a studenti con elevato numero di esami sostenuti e votazione superiore a 26/30 e deve essere rimborsato entro 3-4 anni dal completamento degli studi.

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa