Una “bussola” on line 
per orientarsi nel mercato del lavoro

Una “bussola” on line per orientarsi nel mercato del lavoro

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa

Confindustria Bergamo e l’Assessorato al Lavoro della Provincia di Bergamo hanno realizzato una iniziativa a supporto della nuova occupazione rivolta sia al personale disoccupato residente in provincia di Bergamo, sia ai datori di lavoro interessati a conoscere nel dettaglio le agevolazioni e i finanziamenti fruibili in caso di assunzione di nuovo personale.
L’impegno si è concretizzato nell’attivazione di un sportello informativo on line, liberamente accessibile all’indirizzo www.assunzioneagevolata.it, implementato e periodicamente aggiornato da un gruppo di lavoro composto da funzionari dell’Associazione esperti di diritto del lavoro e da operatori del Servizio Lavoro della Provincia di Bergamo.
L’intervento – che vuole rappresentare un servizio offerto al territorio a sostegno del mercato del lavoro – deriva dalla considerazione che la normativa vigente, articolata e mutevole, propone soluzioni d’interesse ma fortemente differenziate in relazione alle molteplici situazioni, oggettive e soggettive, che possono connotare i singoli processi di assunzione.
Si rende pertanto opportuno – si legge in una nota firmata da Matteo Zanetti, vicepresidente di Confindustria Bergamo
e da Giuliano Capetti, assessore provinciale al Lavoro – uno strumento dinamico e continuamente aggiornato che, come una bussola, aiuti costantemente sia gli operatori aziendali sia le persone intenzionate ad immettersi nel mercato del lavoro a orientarsi tra le molteplici e variabili formule di riduzione contributiva, fiscale e di finanziamento, diretto o indiretto, introdotte e continuamente riadattate dalla successione dei provvedimenti legislativi e amministrativi.
La disciplina delle agevolazioni e dei finanziamenti è composta da tre livelli di regolamentazione (nazionale, regionale, locale) introduttivi di procedure intersecate, in parte complementari ed in parte sovrapposte, quindi si caratterizza per una complessità che rende opportuna una visione di insieme, una analisi schematica ma anche un grado di approfondimento adeguato, spesso non rinvenibile negli ordinari canali informativi già attivi a livello locale.
Lo sforzo divulgativo, che si è ritenuto realizzabile con particolare efficacia attraverso l’implementazione del portale on line deve poi necessariamente completarsi con l’ulteriore sostegno informativo offerto dai servizi dedicati della pubblica amministrazione locale, che attraverso la rete territoriale dei centri per l’impiego, all’occorrenza supportati per specifiche iniziative anche da Confindustria Bergamo, possono dare ulteriore riscontro e supporto ai datori di lavoro e ai lavoratori interessati a meglio comprendere le opportunità e le modalità di fruizione delle formule agevolative e dei finanziamenti disponibili.
Tutte queste riflessioni hanno quindi indotto la realizzazione del sito “guida alle assunzioni agevolate”, composto di schede tematiche, note di approfondimento, estratti di disposizioni normative, documenti amministrativi, link tematici, che si avvale di un continuo supporto tecnico da parte degli uffici di Confindustria Bergamo e dell’amministrazione provinciale per un aggiornamento costante.
Si tratta di una iniziativa – annotano Zanetti e Capetti – realizzata con l’auspicio che il mercato del lavoro locale possa, nei prossimi mesi, avvantaggiarsi degli effetti di una ripresa produttiva da tempo auspicata e che, in considerazione dei primi segnali emersi all’inizio del corrente anno, potrebbe forse trovare una parziale declinazione positiva nel 2014, pur nella consapevolezza delle criticità certamente indotte da 5 anni di crisi congiunturale, quindi della difficoltà di operare un recupero occupazionale che attenui significativamente la situazione ancora fortemente negativa riscontrata nel 2013.
Confindustria Bergamo e l’Assessorato al lavoro, istruzione e formazione della Provincia di Bergamo hanno condiviso che è comunque indispensabile guardare al futuro, aiutando imprese e lavoratori, anche con strumenti operativi e pragmatici, a concretizzare al meglio le dinamiche occupazionali che si potranno gradualmente delineare. 

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa