Camera di Commercio, un milione 
per l’occupazione giovanile

Camera di Commercio, un milione per l’occupazione giovanile

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa

Due milioni di euro a favore delle imprese. È questo quanto stanziato dalla Camera di Commercio di Bergamo e discusso in Consiglio Camerale il 29 aprile scorso. Il primo va a favore dei Consorzi fidi per le operazioni di sostegno alle piccole e medie imprese. «Per il terzo anno consecutivo sosteniamo i Confidi presenti sul territorio – precisa Paolo Malvestiti, presidente della Camera di Commercio di Bergamo -. L’attenzione al credito è una delle caratteristiche qualificanti di questo ente camerale. Da imprenditori siamo convinti che è quanto mai necessario contribuire a dare ossigeno alle nostre imprese ed è compito della Camera di Commercio sostenere chi, come i consorzi fidi, lavora sul territorio come intermediario e interlocutore privilegiato tra banche e imprese. Un lavoro molto delicato in questo particolare momento di difficoltà per la nostra economia». A questo proposito nei prossimi giorni si riunirà in Camera di Commercio un tavolo di confronto tra banche, confidi e imprese per un confronto sulle difficoltà di accesso al credito dell’imprenditorialità bergamasca.
Il secondo milione, inaspettato, va a favore delle aziende e dei giovani. A sorpresa, durante il Consiglio Camerale Malvestiti ha presentato un fondo per l’occupazione giovanile. Si tratta di un bando che verrà messo a punto a breve e che prevede contributi a fondo perduto per le aziende che assumono giovani. «Credo che sia la prima Camera di Commercio a livello nazionale che stanzia un bando di tal genere- commenta Malvestiti -. La disponibilità economica del nostro ente ce lo permette. Abbiamo approvato un bilancio in positivo e non possiamo far altro che pensare al territorio, alle nostre aziende e ai nostri giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile è aumentato di circa dieci punti percentuali nell’ultimo anno e nella nostra provincia si è attestato al 29,4%. Non possiamo restare inerti di fronte a quanto sta succedendo, ed è il motivo per cui  la Giunta camerale all’unanimità ha approvato questo intervento straordinario».
Il bando prevede un contributo a fondo perduto, con tagli per ciascuna azienda attorno ai 15-20 mila euro, per quelle imprese che assumeranno i giovani; un’attenzione particolare a chi assumerà a tempo indeterminato.
Altra novità presentata in Consiglio Camerale riguarda Bergamo Sviluppo e il potenziamento dell’attività al Polo Tecnologico di Dalmine indirizzata alla ricerca, allo sviluppo e all’innovazione nel campo del manifatturiero, sempre in collaborazione con l’Università di Bergamo e i centri di ricerca.
Il Consiglio Camerale ha inoltre approvato il bilancio 2012, che è risultato migliore rispetto alle aspettative: la Camera di Commercio di Bergamo chiude il 2012 con utile di 1.504.774 euro. 
Nomine. La Giunta, nella seduta di lunedì scorso, ha nominato due rappresentanti che da maggio entreranno a far parte del Consiglio d’Amministrazione di Turismo Bergamo: Luigi Trigona, direttore di Ascom riconfermato nel suo mandato, e Giacomo Salvi, direttore di Confesercenti. Sempre per quanto riguarda le nomine, nelle prossime settimane entreranno a far parte del Consiglio Camerale tre nuovi consiglieri, in seguito ad altrettanti dimissioni: quella di Carlo Vimercati, che lascia il posto al nuovo presidente di Cdo Bergamo, Alberto Capitanio; di Giuseppe Masnaga, rappresentante del credito, dimessosi dopo aver lasciato la guida della Banca Popolare di Bergamo; e di Marziano Borlotti, in quota artigiani, dimessosi in seguito alla chiusura della sua attività a fine 2012.

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa