Più di 5mila fiori e 30 flower designer per accogliere Papa Giovanni

Una staffetta di 30 fioristi Ascom, ha lavorato -anche di notte- per accogliere nel migliore dei modi il ritorno di Papa Giovanni XXIII nella sua terra, a Sotto il Monte, a sessant’anni dall’elezione al soglio pontificio del Cardinale Angelo Roncalli, allora Patriarca di Venezia. Sono più di 5mila i fiori impiegati per onorare il Santo, allestendo con fiori il palco della tensostruttura a Sotto il Monte, il giardino della pace, la Parrocchiale e la teca di rose nella cripta. I fioristi stanno lavorando dal 15 di maggio per progettare gli allestimenti, attenendosi per la Messa in diretta tv alle esigenze televisive. Solo per allestire i 30 metri del palco della tensostruttura sono stati donati 4 mila fiori tra anthurium, rose, margherite, orchidee, nei colori giallo e bianco del Vaticano. Per la teca sono stati usati 800 tra garofani e rose rosse; per il Giardino della pace e il fontanile la scelta è ricaduta sulle rose bianche.

Adriano Vacchelli, presidente del Gruppo Fioristi Ascom commenta con orgoglio il lavoro fatto dalla categoria: “Per accogliere al meglio il Santo c’è stata una vera e propria staffetta di fioristi, che ha fatto a gara per dare il suo contributo con generosità, senza badare orari, tanto che si è lavorato anche di notte. E’ stata un’occasione per fare squadra e condividere un momento storico”. 

Copyrights 2006-2022 – Iniziative Ascom S.p.A. – P.iva e C.F. 01430360162