Immobiliaristi, la Fimaa-Ascom 
sigla un protocollo con l’Enasarco

Immobiliaristi, la Fimaa-Ascom sigla un protocollo con l’Enasarco

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa

Come è noto, molte agenzie immobiliari sono state oggetto di accertamento ispettivo da parte dell’Enasarco, la Fondazione che gestisce la previdenza integrativa obbligatoria per tutti i soggetti che operano in forza di un contratto di agenzia. I controlli si sono conclusi, nella maggioranza dei casi, con l’applicazione di sanzioni pesantissime. Le sanzioni sono state purtroppo confermate in primo grado dalla Magistratura per la quasi totalità degli immobiliaristi. L’accertamento degli ispettori Enasarco verteva sulla verifica dell’esistenza di un rapporto riconducibile nell’ambito del contratto di agenzia (ex art. 1742 Codice Civile) tra il titolare dell’impresa ed i collaboratori della stessa che svolgevano, con continuità e stabilità, la promozione e gestione di affari fatturando una quota delle provvigioni maturate. Per evitare il rischio di incappare in sanzioni e trovare il giusto inquadramento sotto il profilo giuslavoristico della qualifica giuridica dei collaboratori, Fimaa ha sottoscritto un protocollo con Enasarco che prevede la distinzione tra collaboratori delle imprese in mediazione immobiliare, ossia quelli abilitati all’attività professionale (esclusi cioè dall’obbligo di iscrizione a Enasarco) e quelli non abilitati. Per provvedere a regolarizzare i collaboratori le agenzie devono aderire al protocollo Fimaa-Enasarco entro il 31 luglio 2014 e, entro i 30 giorni successivi iscriversi all’Enasarco pagando il relativo contributo di previdenza integrativa per gli agenti. L’adesione al protocollo è necessaria anche nel caso l’agente immobiliare non avesse collaboratori ma li avesse gestiti nei cinque anni precedenti. Per illustrare i contenuti del protocollo, gli aspetti previdenziali, civilistici e fiscali collegati all’iscrizione a Enasarco, l’Ascom organizza un incontro tecnico che si svolgerà martedì 1° luglio  presso la sede di  via Borgo Palazzo 137, in  sala Villa.  All’incontro parteciperanno  Luciano Patelli,  presidente della Fimaa Bergamo, Daniele Mammani, avvocato e consulente legale di Fimaa Italia e Giuseppe Rosignoli, consulente dell’Ascom per gli agenti di commercio. La partecipazione è libera e gratuita previo accredito: 035-4120135; info@ascombg.it; info@fimaabergamo.it.

image_pdfEsporta in PDFimage_printStampa