Costituzioni societarie
in forte calo (-16%)

Continua la diminuzione del lavoro notarile: il 2012 fa registrare un importante – 22% rispetto al 2011. L’andamento, registrato a partire dal 2004 indica una crescita fino al 2006; gli anni successivi sono stati in costante perdita. Il dato finale non è mai stato così basso: rispetto al 2006 si è perso il 50% del lavoro. E’ quanto si evince dai dati diffusi Consiglio notarile di Bergamo. I pignoramenti immobiliari presso il Tribunale di Bergamo fanno registrare numeri importanti. Nel 2012 sono stati 1.614, – 10,69% rispetto al 2011. A causa dell’invenduto, aumenta il numero dei procedimenti pendenti (+ 15,72% rispetto al 2011). Le 691 pratiche affidate all’Associazione Bergamo 392 (aste ed esecuzioni immobiliari) nel 2012 si distinguono così: Creditori: banche 540 (il 78,14%), condomini 70, altri 81. Debitori: extracomunitari 375 (il 54,26%), società e imprese 50, altri privati 266.
Nel 2012 vi sono state 7.364 convenzioni di acquisto prima casa (- 24,22% rispetto al 2011) e 3.953 mutui prima casa (- 37,66% rispetto al 2011). Si conferma, quindi, il credit crunch: solo il 53,68%  degli acquisti prima casa (rispetto al 65% del 2011, al 67% del 2010 ed al 70% nel 2009) è finanziato con un mutuo.
Lo scorso anno vi sono stati solo 67 i mutui con surroga dell’ipoteca (- 94,23% rispetto al 2011; i già in diminuzione del 23,06% rispetto al 2010, già in diminuzione del 27,76% rispetto al 2009): la richiesta si è esaurita (ed era già scarsa negli ultimi due trimestri del 2011), l’istituto ha perso la sua funzione e potrà recuperarla solo in futuro ove vi sia una significativa riduzione dei tassi.
Per la prima volta significativo il segno meno per le costituzioni di società: – 16,19%; sempre per la prima volta aumentano gli scioglimenti: + 6,77%.
Nel 2012 si registra invece un aumento dei testamenti pubblici: 272, (+ 61,90% rispetto al 2011): la crisi economica e familiare stimola l’impiego di questo strumento in prospettiva di una più consapevole allocazione delle risorse.
Prosegue “Chiedilo al Notaio”, l’attività di consulenza gratuita ai cittadini, inaugurata nel novembre 2007, tutti i sabato mattina, presso il Consiglio Notarile in Viale Vittorio Emanuele  44, dove sono presenti, previo appuntamento telefonico (035.224065), due notai. Nel 2012 sono stati  275 i colloqui con i cittadini, che hanno avuto ad oggetto, in particolare, quesiti in materia civile (compravendite, preliminari, garanzie, immobili da costruire, tutele acquirenti edilizia economico popolare, catasto, servitù, affitti); fiscale e successoria (devoluzione, accettazione, gestione della massa, redazione testamento).
“Dall’esame dei dati forniti dal notariato nazionale – afferma il presidente uscente Pier Luigi Fausti – risulta che a livello del lavoro notarile – e quindi, probabilmente, a livello economico generale – la Lombardia è una delle regioni più colpite dalla crisi (- 19,5%) , e Bergamo tra le città lombarde e delle altre regioni, una di quelle con il decremento percentuale peggiore (- 22%). Se volessimo approfondire le ragioni della crisi del settore immobiliare, e quindi operare perché l’eventuale rimbalzo venga fondato su basi solide e durature, si potrebbero fare un lungo elenco. Diciamo solo che se si riuscissero a coagulare le forze per intervenire, anche progressivamente, su tutti i diversi aspetti della crisi immobiliare, la ripresa sarebbe fondata e sicura perché l’investimento immobiliare registra in generale ed ancora oggi performance superiori rispetto ad azioni e bond: e così tornerebbero anche gli investitori grandi e istituzionali”.

Copyrights 2006-2022 – Iniziative Ascom S.p.A. – P.iva e C.F. 01430360162