Il Black Friday e le preoccupazioni dell’Ascom: «I supersconti durano anche una settimana»

D'accordo sulla modifica alla legge regionale che permette la promozione in stile Usa, l'associazione denuncia le campagne aggressive che snaturano il senso dell'iniziativa. Pedrali: «Ormai siamo alle black week». Lo stop agli sconti scatterà il 6 dicembre

black friday

Si avvicinano il venerdì nero, 24 novembre, e il lunedì cibernetico, il 27 novembre.

Nel rincorrersi di sms, volantini, campagne pubblicitarie ed email, l’Ascom di Bergamo ricorda le regole sulle vendite promozionali alla luce delle modifiche alla normativa regionale. Dallo scorso anno è stato infatti abolito, nel Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere, il divieto di vendite promozionali nel periodo dal 25 novembre al 31 dicembre, previsto solo in Lombardia, mantenendo esclusivamente la disposizione che le proibisce nei trenta giorni antecedenti i saldi.

È stato cioè tolto il vincolo che impediva ai negozi lombardi di proporre i supersconti nel caso il Black Friday (che ha data mobile, poiché è mutuato dagli Stati Uniti e si tiene dopo il giorno del Ringraziamento) cadesse dopo il 25 novembre. Non capita quest’anno, ma le nuove regole hanno sanato una volta per tutte lo squilibrio tra la Lombardia e le altre regioni.

Questo dal punto di vista normativo. La stessa Ascom, che attraverso Federmoda ha fortemente voluto una regolamentazione del Black Friday, non manca tuttavia di sottolineare come si sia passati con facilità da un solo giorno di sconti (l’interpretazione corretta del venerdì nero) a un’intera settimana. Diversi siti inoltre danno la possibilità di inserire nel carrello articoli nei giorni precedenti al Black Friday così che i clienti possano assicurarsi una spesa scontata allo scoccare della mezzanotte.

Diego Pedrali«Di fronte ad un ciclone come è stato il “Black Friday” da un punto di vista commerciale, non si poteva rimanere indifferenti – spiega Diego Pedrali, presidente del Gruppo Abbigliamento e articoli sportivi dell’Ascom -. Il dettaglio indipendente era stato di fatto discriminato rispetto alle multinazionali che avevano bypassato le regole a fronte di un basso rischio di sanzioni. Da quest’anno anche in Lombardia è possibile aderire alla giornata speciale di sconti nel venerdì successivo al giorno del ringraziamento festeggiato negli Usa. Così, grazie anche all’intervento di Federmoda-Confcommercio, si è regolamentata una giornata di sconti che l’anno scorso violava la legge regionale».

Non mancano però campagne aggressive che snaturano lo spirito che ha accompagnato la nascita del venerdì nero: «Da una giornata speciale di sconti, si è passati ad una settimana di tagli ai prezzi di cartellino, nella black week, ai black days e al black week-end», fa notare Pedrali. E gli sconti non risparmiano alcun settore, dall’abbigliamento alla cosmesi, dall’elettronica alle calzature, fino a coinvolgere perfino i servizi, con polizze scontate.

«Il mondo va in questa direzione, ma come associazione l’estensione del Black Friday preoccupa, perché sottrae quote alle vendite al dettaglio che anche a livello gestionale hanno più difficoltà ad organizzare e gestire le promozioni», aggiunge Oscar Fusini, direttore Ascom.

Con le nuove regole le promozioni quindi libere fino al 6 dicembre, ovvero fino a 30 giorni prima dei saldi invernali che scatteranno il 5 gennaio. «Quest’anno c’è il via libera alle promozioni in un periodo come quello pre-natalizio decisivo per il commercio – continua Pedrali -. Permane ancora un certo malcontento perché è stata disattesa la nostra richiesta di posticipare la data di inizio dei saldi invernali».

4 commenti a "Il Black Friday e le preoccupazioni dell’Ascom: «I supersconti durano anche una settimana»"

  1. Aldo  23 Novembre 2017 alle 12:42

    SIAMO RIDICOLI…
    Ormai tutti fanno quello che vogliono.
    Basta non se ne puo piu. Eliminiamo a questo punto almeno i SALDI

  2. Rosi  23 Novembre 2017 alle 14:46

    Come al solito chi ne va di mezzo è solo il negozio di vicinato.
    Malgrado le giuste considerazioni della direzione e del integerrimo PEDRALI PRESIDENTE di categoria..

  3. Mario  23 Novembre 2017 alle 17:30

    Grazie Pedrali. Si faccia rispettare è ora di smetterla di essere presi ( x. il ) in giro Adesso poi la novità è che i supermercati vogliono ottenere di poter fare quelllo che vogliono e si sono uniti alla richiesta. Noi niente Subire. accettare e pagare in rigoroso silenzio

  4. Elia  23 Novembre 2017 alle 17:35

    Ma si vuol arrivare alla chiusura di tutti i negozi dei paesi??

I commenti sono chiusi.