Tortelli o casoncelli? Ecco com’è andata la sfida di Crema

A difendere il piatto tipico bergamasco la giovane Claudia Gambirasio del ristorante Cadei di Villongo. Il successo è andato ai padroni di casa

serata loghetto premiazione(4)

Tortello cremasco e casoncello bergamasco si sono sfidati in golosa tenzone nei giorni scorsi all’Agriturismo Loghetto di Crema. Portacolori della tradizione orobica è stata la giovane Claudia Gambirasio, che ha scelto di raccogliere l’eredità dell’indimenticato papà Roberto ai fornelli del ristorante Cadei di Villongo, mentre il tortello cremasco è stato preparato dalla cucina della stessa titolare dell’Agriturismo, Anna Maria Mariani.

serata al Loghetto Disegno di TresoldiA confronto un piatto che risale al periodo della dominazione veneziana del territorio cremasco, caratterizzato dal ripieno dolce e speziato, e il campione della cucina bergamasca, della fine del Trecento. Conduttrici della serata la scrittrice Annalisa Andreini e la giornalista Isabella Radaelli che hanno curato anche la presentazione delle ricette tradizionali e dei loro ingredienti ai numerosi commensali, ai giornalisti e ai rappresentanti delle condotte Slow Food di Crema e della bergamasca. La votazione da parte dei presenti ha assegnato la vittoria al tortello, che giocava in casa. Una giuria tecnica formata da giornalisti ha poi deciso di premiare a pari merito le cuoche con la consegna di due disegni realizzati per la serata dal pittore caravaggino Francesco Tresoldi raffiguranti i due ristoranti e i protagonisti della serata: il Tortello cremasco e il Casoncello bergamasco.

I commenti sono chiusi.