Carlo Sangalli, confermato alla guida Confcommercio fino al 2025

Tra gli obiettivi del nuovo consiglio, l’avvio di una nuova stagione di rappresentanza e la valorizzazione del ruolo del contratto collettivo per rafforzare sostenibilità, welfare e sicurezza, priorità nel tempo post-Covid

Carlo Sangalli, confermato alla guida Confcommercio fino al 2025

L’Assemblea di Confcommercio-Imprese per l’Italia, in rappresentanza delle oltre 700 mila imprese associate del commercio, del turismo, dei servizi, dei trasporti e logistica e delle professioni, all’unanimità, ha confermato Carlo Sangalli alla guida della Confederazione per il quinquennio 2020-2025. In occasione dell’Assemblea, Confcommercio ha elaborato un documento contenente gli obiettivi e gli ambiti di intervento prioritari della nuova Consiliatura – dal ruolo dei corpi intermedi alle riforme per il Paese, dalla trasformazione digitale al nesso sempre più stretto tra città, terziario, infrastrutture e trasporti, dalla qualità della formazione alla valorizzazione del welfare contrattuale, fino ai temi cruciali e attuali della sostenibilità, della transizione generazionale, del ruolo del nostro Paese nel nuovo scenario europeo e internazionale – con l’obiettivo di avviare una nuova stagione della rappresentanza d’impresa. Una stagione “costituente” che continui a basare la rappresentanza di Confcommercio sui principi di sussidiarietà e partecipazione: per continuare ad innovare e ammodernare l’architettura organizzativa e l’offerta di servizi, valorizzare sempre di più la rete di territori e categorie, promuovere alleanze operative e strumenti per contribuire al rafforzamento dell’attività sindacale della Confederazione.

Ascom Confcommercio Bergamo rinnova i migliori auguri per la conferma in carica del presidente Carlo Sangalli: “Come associazione abbiamo sostenuto il presidente, che in questa difficile fase rappresenta l’interlocutore ideale per garantire la migliore guida della Confederazione con forza, capacità ed esperienza. Una scelta di continuità per rappresentare al meglio le istanze delle imprese in un momento di grande criticità e incertezza” commentano il presidente Giovanni Zambonelli e il direttore Oscar Fusini. 

I commenti sono chiusi.