Ambulanti. C’è tempo fino al 31 marzo per il move-in

Con la scatola nera gli ambulanti potranno continuare a circolare anche in caso di limitazioni o blocchi del traffico. Mauro Dolci (Fiva Bergamo): “Garantito il lavoro dei nostri operatori senza un aumento di emissioni inquinanti”

Ambulanti. C’è tempo fino al 31 marzo per il move-in
Gli ambulanti avranno tempo fino al 31 marzo 2020 per installare la ‘scatola nera’ Move-In (sistema che monitora le percorrenze dei veicoli inquinanti). L’ha deciso l’accordo firmato da Regione Lombardia, Fiva-Confcommercio (Federazione Italiana Venditori su Area pubblica) e Apeca e Anva Confersercenti nei giorni scorsi.
La scadenza, prima fissata al 31 dicembre, slitta quindi di tre mesi, per favorire l’adesione a Move-In a tutti gli operatori del commercio ambulante.
Agli operatori del commercio ambulante che aderiscono a Move-In il chilometraggio verrà calcolato su tre annualità, con la possibilità quindi di percorrere la somma dei chilometri concessi annualmente nell’arco dei tre anni. Ciò permette una maggiore flessibilità organizzativa e la sostituzione dei veicoli. 
Gli autonegozi e gli automarket, in ragione del loro limitato numero (circa 500 in tutta la Lombardia), degli elevati costi di allestimento e della difficoltà di reperirne di nuovi in tempi brevi, saranno assimilati aiveicoli di classi Euro superiori (Euro 0 assimilati a Euro 2 e Euro 1 e 2 assimilati a Euro 3) se aderiranno entro il 31 marzo 2020 a Move-In. Ciò consentirà di percorrere 6000 km/anno ai veicoli Euro 0 e 9000 km/anno ai veicoli Euro 1 e 2.
Agli operatori che avranno aderito a Move-In sarà consentito muoversi per recarsi ai mercati anche in caso di limitazioni temporanee.
Soddisfazione da parte di Fiva Bergamo che ha dato supporto a Fiva Confcommercio nel confronto con la Regione, per il risultato raggiunto con l’intesa sul move-in.
“È un buon compromesso tra la necessità di circolare e quella di evitare di avere grossi problemi di inquinamento: non si aumentano le emissioni inquinanti e gli operatori ambulanti possono lavorare. Rispetto al provvedimento originario ci sono state aperture notevoli che permettono di affrontare il problema in modo razionale – commenta Mauro Dolci, presidente di Fiva Bergamo e della Fiva provinciale e vicepresidente vicario nazionale della Federazione -. La proroga della scadenza permetterà agli ambulanti di dotarsi del move-in senza patemi d’animo. La grande maggioranza riuscirà a coprire il proprio lavoro”.
“Aderire – sottolinea Dolci – è senz’altro vantaggioso, perché i chilometri vengono conteggiati solo in zone con limitazioni e perché sono previste una serie di agevolazioni. Ad esempio, i furgoni euro 0 vengono parificati ai veicoli Euro 2 e quindi hanno una disponibilità di chilometraggio molto più ampia”. Chi non monterà la scatola nera move-in nelle zone soggette ai blocchi potrà circolare solo prima delle ore 7.30 e dopo le 19.30”. 
 

Mauro Dolci presidente Fiva Bergamo

 
Fiva Bergamo invita tutti gli ambulanti associati ad aderire a Move-in entro il 31 marzo 2020 ed è disponibile a erogare il servizio. Gli ambulanti interessati possono contattare gli uffici al numero: 035.4120340.
 

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.