Addio ai cotton fioc in plastica

Dall'1 gennaio i bastoncini dovranno essere tutti compostabili e biodegradabili

Addio ai cotton fioc in plastica

Il nuovo anno si annuncia all’insegna della lotta alla plastica. Dopo il no ai sacchetti di plastica per alimenti dell’anno appena chiuso, ora tocca ai bastoncini per pulire le orecchie. Il 1 gennaio è entrata in vigore la legge che vieta di produrre e vendere cotton fioc in plastica. Ora sarà possibile produrre e vendere solo cotton fioc biodegradabili e compostabili. Inoltre, i produttori dovranno indicare nell’etichetta le regole per smaltire i cotton fioc in maniera appropriata: non più nel bidone dell’indifferenziato ma in quello dell’organico, con il divieto di gettarli ne wc, dove finora finivano il 90% dei bastoncini. Quelli acquistati lo scorso anno, se ancora prodotti in plastica, dovranno essere smaltiti nell’indifferenziata. L’Italia è il primo paese dell’Unione europea ad adottare questa misura, contenuta nella legge di bilancio del 2017. Il bando ai cotton fioc è una delle tappe nella battaglia alla plastica, iniziata nel 2011 con il bando dei sacchetti della spesa non biodegradabili, proseguita con quello delle buste per frutta e verdura nel 2018 e arricchita con la nuova direttiva. Il prossimo passo sarà il 1 gennaio del 2020 e toccherà ai cosmetici e articoli monouso. 

I commenti sono chiusi.