Federmoda Italia, Pedrali (Ascom Bergamo) confermato nel direttivo

Il presidente del Gruppo Abbigliamento, calzature e articoli sportivi Ascom Diego Pedrali è stato eletto a Bologna, in una due giorni di convention e lavori nella cornice cinquecentesca di Palazzo Segni Masetti, tra i 24 dirigenti che affiancheranno il presidente di Federazione Moda Italia Renato Borghi, confermato al vertice dell’associazione.

diego_pedrali.jpgPedrali, 67 anni, titolare de “L’Uomo Piu’” di Torre Boldone, fa parte del consiglio nazionale di Federmoda da vent’anni; è infatti al quinto mandato. «Sono orgoglioso di rappresentare e dare voce ai negozianti bergamaschi in un momento di grande difficoltà, ma che sembra vedere elementi di ripresa anche per i piccoli negozi», commenta.

Federazione Moda Italia è la più importante organizzazione di rappresentanza del dettaglio e ingrosso dei settori abbigliamento, tessile per arredamento, tessuti per abbigliamento, pelletterie, accessori, articoli sportivi, con oltre 35.000 imprese commerciali piccole e medie associate. Aderisce a Confcommercio Imprese per l’Italia e rappresenta le attività delle 102 Associazioni Provinciali di categoria .

I cardini attorno ai quali si svilupperà il nuovo incarico saranno la formazione specialistica, attraverso una Fashion Digital Academy, l’innovazione e la costituzione di reti d’impresa per fronteggiare al meglio le sfide locali in un mercato iper-globalizzato. «Ho proposto al Presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia Carlo Sangalli – ha annunciato il presidente Borghi – il lancio della giornata nazionale di valorizzazione del dettaglio indipendente e delle piccole imprese sul modello dello Small Business Saturday statunitense».

8 commenti a "Federmoda Italia, Pedrali (Ascom Bergamo) confermato nel direttivo"

  1. Aldo  23 Novembre 2017 alle 12:29

    Complimenti inutili perché se di nuovo prescelto vuol dire che la persona vale.
    Buon lavoro
    Aldo

  2. Rosi  23 Novembre 2017 alle 14:39

    Per l Associazione e solo una fortuna poter annoverare presidenti come PEDRALI nel proprio organico.
    Teniamolceli bene stretti.uomini così
    COMPLIMENTI. PRESIDENTE….

  3. Stefano  24 Novembre 2017 alle 13:40

    Bravissimo Diego. Far parte da più anni della Federazione che ci rappresenta è un ONORE per te e sicuramente un VANTO per l ‘ Ascom Bergamo-Sicursmente non sei li per caso

  4. Mario  24 Novembre 2017 alle 13:49

    Buongiorno ,
    S e viene ogni vlolta ri confermato penso voglia dire che. să. il fatto suo altrimenti con tutte le Associazioni che ci sono. potrebbero scegliere alltri candidati.

  5. Oliviero  24 Novembre 2017 alle 14:07

    Grazie per tutto quello che fā per la nostra categoria.
    L ‘importante è non arrendersi, ma mi sembra di capire che Lei non é il tipo che desiste.
    Persone come Lei nell’ Organizzazione .sicuramente sono utili e servono per poter far bella figura.
    Ancora grazie. O.R.

  6. Claudio  25 Novembre 2017 alle 0:29

    Rappresentare 3 categorie non è di certo una cosa semplice
    Lui lo fà da anni e anche bene.
    Brava la direzione che se lo tiene stretto! !

  7. Giovanni  25 Novembre 2017 alle 15:26

    Ho letto con piacere le Sue dichiarazioni nell’articolo del Venerdì nero.
    I complimenti ricevuti dai colleghi che hanno voluto esternare il pieno appoggio ai concetti da Lei espressi sono semlicemente doverosi.
    Credo che nella situazione economica attuale servano più fatti delle parole . Quindi spero che Lei possa ottenere col pieno appoggio dell’Ascom e nel ruolo che Lei occupa ulteriori proseliti, per poter far sopravvivere decorosamente le attività .Smettendola di dover ricorrere sempre più a stratagemmi nella vendita che portano solo ad una lenta agonia.

  8. Diego  26 Novembre 2017 alle 20:05

    Dopo tutti gli attestati inaspettati ricevuti da colleghi miei e non ,mi corre l obbligo di ringraziarVi .
    Sicuramente mi sono tolto una bella soddisfazione , ma è già tempo di girarsi le maniche per curare il più possibile l’interesse delle 3 categorie che rappresentò in Confcommercio.
    Sino ad oggi (trascurando a volte lavoro e famiglia ) ho cercato di dedicarmi il più possibile a rappresentare l ASCOM di Bergamo nelle sedi più opportune dove mi è stato concesso di presenziare..
    Sicuramente c è molto ancora da fare per far rivivere la categoria che da anni soffre ma io sperando anche nella collaborazione della Direzione e dei miei validi Consiglieri di certo non demordero ve lo prometto pubblicamente e cercherò di venire nelle delegazioni per sentire le problematiche che ci affliggono
    Pedrali

I commenti sono chiusi.