Negozi Storici, riconoscimento per altre due attività bergamasche

Nel Registro regionale entrano anche la macelleria Gastoldi di Bariano e il panificio Zatti di Tavernola

macelleria Gastoldi«Riconoscimento per altri 28 Negozi Storici lombardi che rappresentano un patrimonio della nostra regione. Locali storici del commercio che vogliamo continuare a valorizzare e sostenere in quanto punti di riferimento ed elementi di attrattività per i centri urbani. Non solo, anche perché dietro queste insegne ci sono storie di vita significative, che raccontano l’identità regionale e un modo di fare attività economica in grado di durare nel tempo, nonostante la crisi e i rapidi cambiamenti imposti dal mercato». Così ha parlato Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico, annunciando stamane il riconoscimento e l’inserimento nell’apposito Registro regionale dei Negozi Storici di altre 28 attività nelle province di Bergamo, Como, Cremona, Lecco, Milano e Sondrio.

A Bergamo i riconoscimenti sono andati alla Gastoldi Macelleria Salumeria Gastronomia di Bariano, aperta nel 1937 (Storica Attività) e al Panificio Zatti di Tavernola Bergamasca, avviato nel 1849 (Storica Attività). «È dal 2004 – ha aggiunto Parolini – che la Regione, in accordo con gli enti locali e le associazioni di categoria, ha istituito questo riconoscimento proprio per tener viva la memoria e premiare la professionalità di quelle generazioni di imprenditori che da più di 50 anni hanno saputo unire tradizione e innovazione e creare con il loro servizio un valore per le comunità di riferimento».

insegna storica panificio zatti - tavernola

Le sfongadine del panificio Zatti – Affari di Gola – giugno 2011

3 commenti a "Negozi Storici, riconoscimento per altre due attività bergamasche"

  1. mirna cereda  17 febbraio 2017 alle 16:23

    Panificio Zatti tutto buono a prezzi imbattibili. Meritato riconoscimento ad una brava famiglia

  2. Sonia  17 febbraio 2017 alle 18:30

    Un riconoscimento meritato per una famiglia che mantiene viva una tradizione di parecchi anni .ottime le tipiche sfogade.

  3. Gigi  17 febbraio 2017 alle 22:19

    Il nonno Alessandro e la nonna Catina hanno saputo trasmettere tradizione ,segreti e passione ai figli Giulietta Gilda Luisa e Cornelio quest’ultimo sta portando avanti tutt’ ora la forneria di famiglia !gigi figlio di gilda !

I commenti sono chiusi.